LE SORGENTI DELLE STREGHE

Pronto? Sono io, come stai? ... Bene, anche noi. Siamo appena tornati, siamo stati a trovare Curandina ...

Come chi è? Ma, dai, la streghetta, l’amica di Emma ... ma Emma ... il gufo ... ti devo proprio dire tutto? ...

Ma come non esistono? Ti pare che racconto una bugia? ... Ridi pure ...

Giuro, siamo stati a casa sua ti dico ... no davvero, è un sentiero tranquillo … sì che c’erano i bambini, ci siamo andati apposta …

Paura? Certo che no, erano fuori di testa per la felicità …

No, non ho mangiato pesante, nessun incubo...

Ok, ho da fare anch'io, ciao.

(Vabbè, continuo a sistemare le foto che é meglio ... Dunque dove ero rimasta?)

Curandina non era una strega come le altre che, al tempo dei cavalieri, infestavano la zona dello Sciliar.

Non amava gridare, ballare attorno al fuoco, volare con la scopa e fare tutte quelle cose che normalmente fanno le streghe.

Lei amava la tranquillità del bosco e proprio lì incontrò il gufo saggio Emma.

Giravano sempre insieme ed è possibile che, andando in quei luoghi magici, si possano ancora incontrare.

I segni lungo il cammino aiutano molto …

Al Pripi Curandina è piaciuta un sacco, ma gli sono piaciute anche tutte le altre streghe, quelle che saltavano fuori ogni tanto, all’improvviso, nei posti più strani.

Ecco, questa la metto qui.

E quanti animali abbiamo incontrato? A volte parevano semplicemente dei tronchi, ma poi guardando bene ...

Queste qui, ok, un bel collage.

Pare incredibile come un semplice pezzo di legno possa dar vita alle cose più strane.

C'erano sculture meravigliose, alcune persino con elementi mobili. I bambini erano davvero incuriositi, anche noi grandi se è per questo.

La metto qui, così mi piace.

Attraversare ponti e passerelle è stato un gran divertimento per tutti, perché non si poteva proprio immaginare cosa ci fosse dall’altra parte.

Così va bene.

E le sorprese non mancavano neppure superando recinti e staccionate, che facevano intravvedere appena quel che c’era oltre.

Mi piace …

È stato bello seguire percorsi di ogni tipo: di pietra, di legno, di ferro.

Ecco, l’attacco qui sotto.

Ed è stato divertente correrci dentro, facendo a chi faceva più veloce, ma è stato altrettanto stimolante percorrerli pianissimo, lasciandoci guidare solamente dalle voci degli altri nostri compagni d'avventura.

Queste due qui, così!

Abbiamo calpestato materiali diversi, per provare sensazioni differenti.

Mi piace questa.

Ci sono stati momenti di relax e di meditazione …

... alternati a momenti di gioco, che facevano risuonare il bosco con le nostre risate. Come se la rideva il Pripi!

E, alla fine, eccola lì la grotta delle streghe. Ci siamo entrati, respirando il profumo delle frasche, lasciandoci avvolgere dal silenzio, tenendoci per mano al buio, cercando l’unica luce - quella che arrivava dal cielo - che ci illuminava un pochino, riflettendosi nello specchio davanti a noi.

Quale suggestione, però!

Mi è impossibile regalarvi gli odori che abbiamo sentito, quello degli abeti, del muschio, dei lamponi, dei panini mangiati su un bel prato, ma posso mostrarvi quello che i nostri occhi hanno visto, o hanno creduto di vedere, guardando attraverso un buco scavato in un tronco.

Carina questa.

Vorrei anche farvi provare l'incredibile sensazione di morbidezza, che le nostre mani hanno percepito, toccando l'acqua della sorgente solforosa, che lasciava tracce bianche sul terreno e puzzava orribilmente di uovo marcio.

Ma poi abbiamo udito i suoni della natura, che sarebbero stati impercettibili, se non fosse stato per questo corno acustico posto fra due alberi. E quanto forte era?

Insomma una giornata bellissima, un’esperienza sensoriale completa. Veramente da consigliare a chi ama la natura e a chi fugge dai ritmi frenetici della città.

Ah, no, aspettate, ne manca uno! Il gusto sta protestando.

Alla fine di questa giornata meravigliosa non poteva mancare una bella merenda in uno spettacolare rifugio altoatesino, di quelli dove le fette di torta sono così grandi che bastano per due.

La foto? Eh, mi dispiace, la torta è finita troppo in fretta.



Il sentiero Sorgenti delle Streghe (Erlebnisweg Hexenquellen) si trova presso il Rifugio Tirler, raggiungibile dalla stazione a monte della Cabinovia Alpe di Siusi.



Ti è piaciuto il post?

8 commenti :

  1. wow... bella! questa gita te la "rubo" sicuramente... ormai per la prossima primavera/estate... quindi nel frattempo attendo "dritte" per l'inverno...
    ciaoooo... la cartella arancione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti credo, sei talmente impegnata che hai l'agenda piena fino alla prossima primavera/estate!

      Elimina
  2. Non sapevo che all'Alpe di Siusi ci fosse questo percorso fantastico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho scoperto per caso l'anno scorso. Te lo consiglio vivamente, è bellissimo. Lo sai che si può percorrere a piedi scalzi?

      Elimina
  3. WOW!!!!! E lo scrivo in maiuscolo perchè sto cercando di farlo sentire a mio marito così capisce che questo posto mi piace e voglio andare a visitarlo!!!!! Aggiungo subito nelle mete primaverili!!!! Grazie per il tuo resoconto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pur avendo l'Alpe di Siusi praticamente attaccata, ci sono andata una sola volta (questa), ma è stata folgorazione! Ci torneremo di sicuro in tempi brevi! Ho visto anche che, con il camper, è molto più comodo di quanto pare. Non sempre i posti più rinomati sono facili per chi sceglie questo tipo di vacanza!

      Elimina
    2. Tempo fa i miei genitori avevano un camper.... ed effettivamente questo tipo di turismo non sempre era il "ben accetto".... ora mi sembra che anche i comuni siano un pò più disponibili.... speriamo che ci sia questa evoluzione, perchè è davvero una vacanza più libera!

      Elimina
    3. Purtroppo non è sempre così, in certi casi i Comuni adottano misure discutibili.
      Grazie anche al comportamento di molti camperisti poco educati!!!

      Elimina

Lascia traccia del tuo passaggio, leggerò con piacere e risponderò appena possibile!

Metti la spunta a 'Inviami notifiche', per essere avvertito via mail dei nuovi commenti.

AVVERTENZA!
Se lasci un commento, devi aver ben presente, che il tuo username sarà visibile e potrà essere clikkato da altri utenti.
Ogni visitatore, quindi, potrà risalire al tuo profilo Blogger

Informativa sulla privacy

Copyright © 2013-2022 SQUITTY DENTRO L’ARMADIO (ARITMIA CREATIVA) – ALL RIGHTS RESERVED