MEZZEPENNE CON BROCCOLETTI E VONGOLE

Non posso certo dire di essere una cuoca creativa al 100%, anche se con gli anni sto migliorando. Ho infatti la tendenza a seguire scrupolosamente la ricetta che ho davanti, specie se questa è nuova. Non è tanto perché io abbia paura di fare una figuraccia con i commensali, quanto piuttosto perché mi scoccia sprecare tempo e non mi piace buttare cibo nel bidone. Mi pare un sacrilegio.

Alcune volte, però, è successo anche a me di improvvisare. Come quella volta in cui ...

Avevo comprato dal pescivendolo un retino di cozze. Da parecchio tempo avevo promesso al Pripi una bella pastasciutta, ma l'affollamento costante davanti al bancone mi aveva fatto cambiare idea spesso e volentieri. Quel giorno invece il mercato era praticamente deserto, complice un vento fortissimo che aveva decimato le bancarelle e spaventato gli acquirenti.

Arrivata a casa ho riposto il sacchettino ben chiuso nel frigorifero, per evitare di mangiare, poi, yogurt ai frutti di mare o prosciutto allo scoglio.

Poco prima di cena, armata di guanti e coltellino, mi sono apprestata a grattare le cozze che, come per magia si sono trasformate in ... vongole. Cosa sia successo non lo so: ho ordinato vongole, pensando alle cozze, oppure il venditore ha preso vongole al posto delle cozze ed io le ho pure pagate senza accorgermi della differenza? Chissà. Ormai era tardi per farsi troppe domande.

Morale della favola: mi sono trovata in cucina senza nulla da grattare e con una ricetta  tutta da inventare. Di pasta alle vongole proprio non avevo voglia.

Ho riaperto il frigo - non puzzava neppure - e ho visto un broccoletto. Era poco convinto di accompagnarsi ai molluschi, ma l'ho precettato: Dai, prova, non te ne pentirai. Una sbirciatina in rete (non quella delle vongole) per vedere se l'accostamento era perlomeno passabile e via di corsa, ero già in ritardo sulla tabella di marcia.

Le ricette trovate, quattro o cinque, utilizzavano quasi tutte le cime di rapa. Il broccolo, come immagino saprete, un pochino si avvicina, anche se mancano completamente le foglie amarognole. Visto che lo sostituisco spesso alle cime di rapa, che non si trovano sempre, per preparare le orecchiette, ho immaginato potesse benissimo accompagnarsi alle vongole.

Venivano anche proposti ingredienti - vino bianco, peperoncino, acciughe - che ho eliminato, preferendo un gusto più delicato. Ho saltato pure un'interessante guarnizione di pomodorini cotti al forno, perché non ci stavo dentro con i tempi.

Alla fine ho mescolato i due metodi di cottura delle cime di rapa/broccoletto.

Ne è venuto fuori un piatto saporito, ma non troppo forte e ben amalgamato, visto che il broccoletto è stato prima ammorbidito nell'acqua e ha poi preso sapore nella casseruola.

Ingredienti
  • 1 retino di vongole
  • 1 broccoletto di piccole dimensioni
  • 2 spicchi di aglio
  • sale
  • pepe
  • olio
  • prezzemolo

Procedimento

Fate aprire le vongole in una pentola coperta, sul fondo della quale avrete messo un paio di cucchiai di olio e uno spicchio di aglio.

Fate bollire l'acqua per la pasta, già salata, e appena raggiunto il bollore, tuffateci le cime del broccolo. Scottatele per qualche minuto, finché si saranno ammorbidite.

Intanto sgusciate le vongole, tenendo da parte qualche guscio per la guarnizione.

In una pentola antiaderente bassa mettete altri due cucchiai di olio e il secondo spicchio di aglio e fateci rosolare il broccoletto scolato in modo che si sbricioli.

Bagnate con il brodetto delle vongole, possibilmente filtrato.

Quando il broccoletto è totalmente ammorbidito, aggiungete i molluschi sgusciati, bagnando sempre con il brodetto.

Aggiungete un paio di cucchiai di prezzemolo tritato.

Infine buttateci la pasta cotta al dente e mescolate bene.

Un giro di olio crudo e una spolverata di pepe nero e ...

... buon appetito!



Ti è piaciuto il post?

Posta un commento

Lascia traccia del tuo passaggio, leggerò con piacere e risponderò appena possibile!

Metti la spunta a 'Inviami notifiche', per essere avvertito via mail dei nuovi commenti.

AVVERTENZA!
Se lasci un commento, devi aver ben presente, che il tuo username sarà visibile e potrà essere clikkato da altri utenti.
Ogni visitatore, quindi, potrà risalire al tuo profilo Blogger

Informativa sulla privacy

Copyright © 2013-2022 SQUITTY DENTRO L’ARMADIO (ARITMIA CREATIVA) – ALL RIGHTS RESERVED